fbpx
Top

Portogallo

In questa guida troverai tantissimi motivi per un fare un viaggio avventura in Portogallo.

Il Portogallo è un Paese ideale per chi ama lo sport, la cultura, l’enogastronomia e la natura.

Sport e avventure

Ecco quali sono le attività sportive e le avventure che ti consigliamo di provare in questa destinazione.

Per maggiori dettagli sugli sport clicca qui.

Il Portogallo è l’ideale per fare molti sport diversi grazie alla sua conformazione geografica che offre montagna, mare, fiumi, campagna.

  • Sulle coste infatti potete fare surf, kitesurf, sci nautico, diving, …
  • Negli affluenti del fiume Douro e a Madera è possibile fare canyoning, rafting e canoa
  • I giri in mountainbike sui monti di Geres sono fantastici
  • In Algarve ci sono bellissime escursioni da fare in quad e passeggiate a cavallo

Esperienze

Ecco alcune delle esperienze uniche ed emozionanti che potreste vivere in questa destinazione:

  • Praticare SUP (stand up puddle) Tour nella grotta di Benagil, in Algarve, una meraviglia naturale grazie anche alla sua “finestra sul cielo”, formata da un’apertura circolare sul tetto di roccia.
  • Fare canyoning e canoa o escursioni sulle vette di granito, ma anche passeggiate per ammirare castelli medievali, monasteri e santuari nel Parco Nazionale da Peneda-Gerês.
  • Vedere i delfini e la magia della biodiversità nella Reserva Natural do Estuário do Sado.
  • Rilassarsi a Ilha de Tavira, un’isola del Parque Natural da Ria Formosa con dune di sabbia, una striscia di bosco e molti punti raggiungibili solo in barca.
  • Visitare le Azzorre, un arcipelago di origine vulcanica considerato uno degli ultimi paradisi naturalistici d’Europa. Crateri, laghi, vegetazione rigogliosa, balene e delfini sempre presenti, montagne, sorgenti di acque sulfuree, fumarole, fiori durante tutto l’anno e antichissime tradizioni sono solo una parte di quello che vi aspetta.
  • Assistere a una corrida, che qui non termina con l’uccisione del toro, peraltro con le corna spuntate, ma con il suo immobilizzo da parte dei forcados.
  • Assaggiare la cucina tipica, che è molto varia e gustosa.

Cosa vedere

Ecco qualche spunto su cosa vedere durante il vostro viaggio avventura in Portogallo:

A integrazione di sport e avventure citate sopra, il Portogallo offre meravigliose città che vale assolutamente la pena visitare:

Lisbona: è una città di mare molto caratteristica, con strade vecchie dal tocco vintage e paesaggi e scorci degni dei migliori profili Instagram. È una città da visitare ma anche da vivere, soprattutto dal tramonto in poi, con una passeggiata sul mare, un aperitivo nel quartiere Princip Real, una cena a base di specialità locali, per poi terminare la serata al Barrio Alto, il quartiere del divertimento notturno.

Sintra: per gli amanti dei luoghi insoliti e il surf. È una piccola cittadina circondata da un bosco a pochi chilometri dal mare. Ora Patrimonio Unesco con i suoi magnifici edifici storici. Meta indiscussa per i surfisti è Praia Grande, una spiaggia in cui, essendo molto esposta al vento, si formano onde perfette, soprattutto durante l’inverno. È possibile visitare i vigneti e degustare vini della zona chiamata Colares. Un altro luogo da non perdere è Capo Rock, il punto più occidentale d’Europa.

Porto: caratterizzata dai tetti rossi e i tipici Azulejos, le piastrelle di ceramica decorate con disegni blu e bianchi, Porto è una fusione armonica tra la vita mondana di ristoranti e discoteche e la storia e la cultura di cattedrali, chiese e musei.

Cabo de Roca: Si tratta di una falesia scoscesa di 140 metri a picco sull’Atlantico, uno dei posti più selvaggi del Portogallo. Prati verdi ricoperti di erica che si gettano nel mare impetuoso, in lontananza la costa frastagliata, …un paesaggio che incanta.

Nazarè: da non perdere per chi adora i borghi di mare. Qui si trovano ancora pescatori con i berretti neri che rammendano le reti, i buoi che tirano in secca le barche, le mogli sedute con foulard in testa, gonne a balze e zoccoli che affittano camere per pochi euro, gigantesche porzioni di gamberi e granchi nei ristorantini di pesce, coloratissime tende da spiaggia per ripararsi dal forte vento, i vicoli stretti, le falesie e i tramonti la rendono una meta indimenticabile.

Èvora: raccolta all’interno di una cinta muraria, la città, patrimonio Unesco, si snoda in stretti vicoli dai nomi bizzarri, come Vicolo del Malrasato, Via del Sarto della Contessa e Piazza del Signore dei Terremoti. Ricorda un po’ una medina araba con le sue case bianche e le terrazze merlate, ma poi si arriva al Tempio di Diana di epoca romana.

Natura

Il paesaggio, la flora e la fauna di questo Paese sono solo uno dei motivi per visitarlo.

I numerosi parchi e il mare rendono il Portogallo una delle mete preferite per gli amanti della natura, anche quella più selvaggia.

Ecco le principali aree per cui vale la pena visitare il Portogallo:

Parco Nazionale Peneda-Gerês: offre un paesaggio di montagna dove crescono specie uniche come il cavallo selvaggio di razza garrano o il cane di Castro Laboreiro. In questa zona esistono ancora villaggi di tradizioni comunitarie le popolazioni condividono attività lavorative e strumenti.

Nel Parco Naturale di Alvão i fiumi scorrono fra le rocce, formando delle cascate spettacolari e rendendo questo parco meta ideale per il rafting o il canyoning.

Serra da Estrela, con i suoi imponenti massicci, è il parco dove si possono praticare attività sportive di ogni tipo, sia in estate che in inverno, come trekking, mountainbike, arrampicata, canoa, …

Enogastronomia

Cosa si mangia e si beve in questo Paese?

Il Portogallo è una delle principali mete enogastronomiche in Europa.

La sua cucina è ricca di cibi freschi e saporiti.

Il pesce è al primo posto, in particolare il baccalà e il polpo, ma non mancano piatti di carne e salumi e formaggi.

Il Portogallo è famoso anche per la sua tradizione dolciaria.

Assaggiate le zuppe: verde-caldo la più diffusa, con cavolo, patate, salsiccia; d’estate il gaspacho, freddo, di verdure; e al mare di pesce.

Onnipresente il baccalà, “cucinato in tanti modi quanti sono i giorni dell’anno”, come dicono i portoghesi, ma cucinano pesci, molluschi e crostacei dei più svariati.

Le carni sono di manzo, maiale, capra. Famoso è anche il pollo alla griglia (marinato con olio e peperoncino). Uno dei piatti tradizionali è la carne de porco e alenteja (maiale e vongole).

Per quanto riguarda l’aspetto enologico, vi segnaliamo il Porto, in tutte le sue varianti, sempre fortificato con acquavite, e il Vinho Verde, bianco, leggero, secco.

Quando andare

Pur se piccolo, il Portogallo presente forti differenze climatiche fra il nord (mite e piovoso in autunno) e sud (più caldo e secco), e anche tra la costa e l’interno (più continentale). Clima temperato e umido anche nelle Azzorre e subtropicale a Madera.

Comunque, le condizioni sono tali da renderlo praticabile tutto l’anno, anche in inverno, senza rilevanti disagi.

Le stagioni migliori sono però primavera e autunno perché il clima è ideale, c’è meno gente e i prezzi di voli e hotel sono più bassi che in estate

Informazioni pratiche

Lingua: portoghese; nelle zone turistiche è abbastanza parlato l’inglese.

Moneta: euro – € – EUR

Capitale: Lisbona

Per informazioni aggiornate e dettagliate visitare www.viaggiaresicuri.it

Qualche consiglio

Portogallo e Spagna storicamente non si vogliono un gran bene. Evitate quindi di rivolgervi a un portoghese in lingua spagnola: bene che vada fingerà di non aver sentito.

Anche sull’orario dei pasti c’è totale disaccordo: mentre in Spagna si pranza alle 15 e si cena alle 22, in Portogallo si usa pranzare poco dopo il mezzogiorno e cenare alle 19-19.30.

Ti piace questa destinazione?

Oppure vuoi visitare questo Paese con noi in un viaggio di perlustrazione?

3