fbpx
Top

Tunisia

In questa guida troverai tantissimi motivi per un fare un viaggio avventura in Tunisia.

La Tunisia è un Paese del Nord Africa, ideale per chi nel deserto si sente a casa, ma anche per chi vuole fare un tuffo nel passato attraverso reperti archeologici della storia fenicia e romana.

Sport e avventure

Ecco quali sono le attività sportive e le avventure che ti consigliamo di provare in questa destinazione.

Per maggiori dettagli sugli sport clicca qui.

La varietà di situazioni ambientali rende possibile qualsiasi attività all’aperto.

  • Sul mare potete praticare snorkeling, immersioni, sci nautico e kitesurf.
  • Nei deserti (o sul lago salato di Chott el Jerid) escursioni in cammello, o a cavallo, ma anche viaggi in quad, buggy, o moto.
  • Le montagne dell’Atlante sono l’ideale per fare trekking.
  • Un giro in speed sail (windsurf su ruote) sul lago salato.
  • La vista mozzafiato delle oasi viste dall’alto di un deltaplano o di una mongolfiera.

Esperienze

Ecco alcune delle esperienze uniche ed emozionanti che potreste vivere in questa destinazione:

  • Vivere il fascino del deserto attraverso in tour in 4×4 e poi dormire in tenda circondati dal nulla ammirando il cielo stellato.
  • Viaggio da Metlaoui a Tozeur o Gafsa tra deserti e montagne su un treno dei primi anni del Novecento.
  • Fare un’escursione a bordo di una nave pirata.

Cosa vedere

Ecco qualche spunto su cosa vedere durante il vostro viaggio avventura in Tunisia:

  • Moschea di Kairouan, capitale religiosa
  • Monastir, di origine fenicia
  • Tozeur, ai piedi delle montagne
  • Douz, la porta del Sahara
  • Le vecchie qasba di Sfax e di Le Kef
  • La medina di Sousse
  • Il villaggio berbero ipogeo di Matmata
  • L’anfiteatro romano di El Jem
  • Gli antichi insediamenti di Kerkouane e Tatooine
  • La fortezza romana nell’oasi di di Ksar Ghilane
  • La città romana di Dougga
  • La città vecchia di Mahdia
  • I resti punici e romani di Byrsa Hills a Cartagine e di Boulla Regia
  • Tunisi, con i mosaici romani del Museo del Bardo, il souk e il panorama della città dalle terrazze

Molti dei siti storici della Tunisia fanno parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Natura

Il paesaggio, la flora e la fauna di questo Paese sono solo uno dei motivi per visitarlo.

In Tunisia ci sono una sessantina di aree protette e l’ambiente varia dai deserti di sabbia sahariani, come il Parco Nazionale di Jebil,

a quelli rocciosi solcati da profonde gole come quello di Jugurtha, il lago di Ichkeul

e i laghi salati del deserto (Chott el Jerid).

Spettacolari anche le oasi di Gabes, Gafsa, Nefta, Tozeur, Chebika.

Enogastronomia

Cosa si mangia e si beve in questo Paese?

La tradizionale cucina berbera della Tunisia è ormai “addomesticata”, ma non per questo meno speziata e la potete assaggiare negli economici gargotte.

Si possono gustare cuscus con carni varie (agnello, pesce) e tajine (una sorta di frittata con carne in umido e verdure, uova e formaggio, cotti nelle tradizionali pentole di coccio, la tajine appunto).

Quasi sempre fresche e buone le verdure con le quali si preparano insalate miste ricchissime.

Da provare anche la merguez (salsiccia piccante), la harissa (salsa di peperoncino per palati “ignifughi”) da spalmare sul pane insieme a piccole olive.

Assolutamente non perdetevi il brick, una pasta croccante molto sottile, spesso chiusa a mo’ di panzerotto, ripiena di carne o tonno e un uovo intero.

Molto diffuso l’agnello con cui si creano piatti come coucha (spalla speziata con curcuma e pepe), shorba (zuppa), berber lamb (con patate e carote).

I dolci sono molto…dolci, spesso a base di miele o datteri.

A qualsiasi ora del giorno si beve tè verde, ma si trovano anche vini e birra (la Tunisia produce ottimi vini rossi e bianchi).

Tra i superalcolici la thibarine (a base di datteri), bourkha (di fichi) e laghmi (linfa di palma).

Quando andare

Il clima è subtropicale, mediterraneo sulle coste e desertico all’interno, con estati molto calde (mitigate dalla brezza marina sulle coste) e inverni miti.

I periodi migliori per andarci sono da marzo a maggio e da settembre a novembre.

Ma per un tour nei deserti può andare bene anche l’inverno.

Informazioni pratiche

Lingua: arabo; quasi ovunque si parla francese e a volte italiano.

Moneta: dinaro tunisino – DT – TND

Capitale: Tunisi

Per informazioni aggiornate e dettagliate visitare www.viaggiaresicuri.it

Qualche consiglio

La Tunisia è un paese musulmano tollerante, soprattutto al nord e nelle città.

Alle si consiglia di non esporre troppo il corpo (nelle spiagge è tollerato) e di rispettare le condizioni imposte per l’ingresso alle moschee.

Non si possono esportare dinari tunisini, e neppure si possono spendere nei duty free, per cui vi conviene liberarvene prima di entrare in aeroporto.

Ti piace questa destinazione?

Scarica un esempio di programma di viaggio. Lo potrai usare come base per richiedere il tuo preventivo personalizzato.

Oppure vuoi visitare questo Paese con noi in un viaggio di perlustrazione?

3