fbpx
Top

Uganda

In questa guida troverai tantissimi motivi per un fare un viaggio avventura in Uganda.

L’Uganda è un Paese ideale per conciliare avventura, natura, contatto con la popolazione locale.

Sport e avventure

Ecco quali sono le attività sportive e le avventure che ti consigliamo di provare in questa destinazione.

Per maggiori dettagli sugli sport clicca qui.

L’Uganda è ideale per fare trekking, rafting e vivere fantastiche avventure.

  • Trekking: l’Uganda offre percorsi di qualsiasi difficoltà e durata grazie al suo vasto e vario territorio. Si può fare trekking nella foresta, sulle montagne del Rwenzori e al Mount Elgon ma anche sui numerosi vulcani spenti di cui è disseminato il Paese.
  • Canoa: uno sport rilassante sul lago Bunyonyi dove si può anche fare il bagno.
  • Moto d’acqua sul lago Mutanda ammirando uno dei panorami più spettacolari dell’Uganda.
  • Rafting sulle rapide nei pressi delle sorgenti del Nilo.
  • Quad: un modo unico per esplorare Jinja e le aree circostanti, attraversando villaggi locali e campi coltivati, offrendo belle opportunità per interagire con la gente del luogo.
  • Bungee Jumping si può fare solo a Jinja ma ne vale la pena: qui è uno dei più alti in Africa, la piattaforma si trova a 44 metri sopra il Nilo.

Esperienze

Dormire in un rifugio, passare una giornata insieme alle persone del posto, immergersi in luoghi sconosciuti, ecco alcune delle esperienze particolari che potreste vivere in questa destinazione.

In Uganda puoi vivere esperienze uniche ed emozionanti, come:

 

  • Camminare nella foresta tropicale, distribuita su monti e vallate e considerata una delle foreste più ricche di biodiversità di tutta l’Africa. Naturalmente è Patrimonio Unesco.
  • Fare il Gorilla Trekking, cioè vedere famiglie di gorilla di montagna, osservarne il comportamento da vicino, nel loro habitat naturale.
  • Incontrare le comunità di Pigmei
  • Non possono mancare safari fotografici per immortalare giraffe, coccodrilli, bufali, elefanti, ippopotami, leoni e leopardi.
  • Safari per vedere il lion climbing, cioè leoni che si arrampicano sugli alberi per trascorrere il tempo tra una caccia e l’altra al riparo dal caldo. Questi alberi sono chiamati “fig trees” e hanno diramazioni che partono dal basso. Sono delle vere e proprie abitazioni per i leoni.
  • Ammirare le numerosissime specie di animali presenti nei parchi: primati come il cercopiteco dalla coda dorata, il babbuino olivastro, o l’antilope, la genetta, bufali, elefanti, uccelli, …
  • Cercare uccelli, insetti, pipistrelli, gufi durante un Night Walk, camminando nella foresta durante la notte.
  • Fare crociere sul fiume per vedere coccodrilli, ippopotami, bufali, elefanti, uccelli, …

Cosa vedere

Ecco qualche spunto su cosa vedere durante il vostro viaggio avventura in Uganda:

La capitale, Kampala, una grande città da due milioni di abitanti al centro di una vasta area urbana che si affaccia sulle sponde del Lago Vittoria nell’Africa centro-orientale.

Il centro di Kampala si sviluppa su una serie di colline (7 come i colli di Roma 😉 )  ed è composto da un reticolo di strade spesso congestionate da un traffico caotico.

La visita della città può iniziare dall’Uganda National Cultural Centre, dove si possono visitare lo spettacolare National Theatre, una grande biblioteca e il grande African Crafts Village che ospita prodotti artigianali realizzati dagli artigiani tradizionali locali, oltre a un cinema, vari ristoranti e numerose sale auditorium dove si tengono regolarmente iniziative culturali, concerti e mostre di ogni tipo.

Potete proseguire con una visita guidata al Palazzo del Parlamento.

E ora passiamo ai musei: la Nommo Gallery, che raccoglie, espone e offre la possibilità di acquistare una grande selezione delle opere dei maggiori artisti contemporanei dell’Africa Orientale, e il Museo Nazionale d’Uganda che, oltre alle collezioni d’arte, offre la meravigliosa esperienza di passeggiare nel cuore verde della città, grazie a uno splendido giardino pubblico al centro della struttura.

Il sito delle Tombe Kasubi ospita numerosi edifici dalla caratteristica forma conica dove venivano sepolti i regnanti Buganda. Nel 2010 un incendio ha danneggiato alcune delle strutture più importanti ma, grazie ai lavori di restauro è possibile visitare buona parte delle strutture.

Prima di lasciare Kampala vale la pena visitare un paio di palazzi interessanti: il primo è uno degli edifici religiosi più particolari dell’Uganda, il tempio Bahai, dedicato a questa religione di origine persiana. Il tempio si trova in uno splendido parco dove si può passeggiare liberamente e ammirare il paesaggio che si estende sulle colline attorno a Kampala. Il secondo è il palazzo presidenziale, poco fuori dal centro, nella zona di Mengo.

Natura

Il paesaggio, la flora e la fauna di questo Paese sono solo uno dei motivi per visitarlo.

In Uganda puoi vivere esperienze uniche ed emozionanti, come:

  • Camminare nella foresta tropicale, distribuita su monti e vallate e considerata una delle foreste più ricche di biodiversità di tutta l’Africa. Naturalmente è Patrimonio Unesco.
  • Fare il Gorilla Trekking, cioè vedere famiglie di gorilla di montagna, osservarne il comportamento da vicino, nel loro habitat naturale.
  • Incontrare le comunità di Pigmei
  • Non possono mancare safari fotografici per immortalare giraffe, coccodrilli, bufali, elefanti, ippopotami, leoni e leopardi.
  • Safari per vedere il lion climbing, cioè leoni che si arrampicano sugli alberi per trascorrere il tempo tra una caccia e l’altra al riparo dal caldo. Questi alberi sono chiamati “fig trees” e hanno diramazioni che partono dal basso. Sono delle vere e proprie abitazioni per i leoni.
  • Ammirare le numerosissime specie di animali presenti nei parchi: primati come il cercopiteco dalla coda dorata, il babbuino olivastro, o l’antilope, la genetta, bufali, elefanti, uccelli, …
  • Cercare uccelli, insetti, pipistrelli, gufi durante un Night Walk, camminando nella foresta durante la notte.
  • Fare crociere sul fiume per vedere coccodrilli, ippopotami, bufali, elefanti, uccelli, …

Enogastronomia

Cosa si mangia e si beve in questo Paese?

La cucina in Uganda è un insieme di quella inglese, araba, asiatica ed indiana. Resta però sempre viva quella tradizionale, infatti in ogni tribù esiste un piatto tradizionale molto caratteristico. Grazie a un terreno e un clima favorevole all’agricoltura, i piatti sono a base di verdure varie, patate, banane e molti altri frutti tropicali. Inoltre, carni come pollo, manzo, capra, montone e pesce sono usati sia freschi che in stufati di ogni tipo.

Ananas e banane sono parte privilegiata della dieta in Uganda, alle volte vengono cotte o mangiate al posto del dessert o addirittura come snack.

Alcuni dei piatti tipici ugandesi sono:

  • L’ugali è una purea di miglio, caratteristica soprattutto nel nord del paese. Viene cucinato con acqua e servito con carne di manzo in salsa. Viene inoltre preparato oltre che con farina di granturco con altri tipi di amidi come il know ed il posho e la farina di manioca.
  • Il chapati è un pane tipico originario dei paesi indiani. Viene usato al posto del riso per accompagnare i piatti di carne o di verdure.
  • Le arachidi vengono comunemente usate e viene anche creata una salsa molto popolare in Uganda. Questa viene miscelata col pesce o carne affumicata e funghi.
  • Il Luwombo è uno stufato fatto sia col pollo che col manzo, funghi, oppure pesce, cotto in foglie di banano.
  • Samosa, altro piatto di origine indiana, un involtino ripieno sia di carne che di verdure molto saporito.
  • Sim – SIm è sesamo tostato molto usato al nord del paese, viene aggiunto nello stufato di verdure o fagioli oppure fatto in pasta servito come condimento.
  • Mugati naamaggi è un piatto di origini arabe. Pasta di grano fritta ripiena di carne macinata e uova.
  • Nswaa una formica bianca e Nsenene una cavalletta che ritroviamo solo in una particolare stagione dell’anno.
  • Matoke è un autentico piatto Nazionale ed originario del paese, fatto con la pianta di matoke, ossia il platano, che viene cotta nel burro, insieme a cipolle, coriandolo fresco e a scelta peperoncino. A fine cottura viene aggiunto del brodo (generalmente di carne).

Quando andare

L’Uganda è attraversata sa un altopiano, con un’altitudine che oscilla tra i 1.000 e i 1.200 mt, e temperatura che variano tra i 25 e i 35° C. Inoltre, l’Uganda è caratterizzata da zone montuose con vulcani e cime molto elevate (dai 4.000 agli oltre 5.000 mt). Qui e nelle foreste l’escursione termica è elevata.

Quella che viene considerata la stagione delle grandi piogge va da aprile a maggio e quella delle piccole piogge da ottobre a novembre, ma non c’è un periodo dell’anno durante il quale le piogge siano totalmente scongiurate, perché l’Uganda è sulla linea dell’equatore. L’umidità però è generalmente molto bassa.

La media annuale del clima soleggiato va dalle 6 ore al giorno durante la stagione delle piogge, alle 10 ore al giorno durante la stagione secca. Per questo possiamo comunque considerare l’Uganda un Paese dove viaggiare tutto l’anno.

Informazioni pratiche

Lingua: vengono parlate più di 40 lingue. La principale è il luganda.

Moneta: scellino ugandese

Capitale: Kampala

Per informazioni aggiornate e dettagliate visitare www.viaggiaresicuri.it

Qualche consiglio

Usufruite del servizio dei portatori quando fate il Gorilla Trekking.

Viene data la possibilità di offrirsi come portatori per i turisti non più di una decina di volte all’anno. Per il resto delle loro giornate vengono impiegati come raccoglitori nei campi dove, in un mese, guadagnano la stessa cifra della loro paga quotidiana come portatori.

Il loro compito durante i trekking è portare la vostra attrezzatura, aiutarvi nei passaggi più difficile e scivolosi per evitare il rischio di danneggiare la vostra attrezzatura fotografica, vi daranno aiuto per qualunque cosa abbiate bisogno.

Ti piace questa destinazione?

Scarica un esempio di programma di viaggio. Lo potrai usare come base per richiedere il tuo preventivo personalizzato.

Oppure vuoi visitare questo Paese con noi in un viaggio di perlustrazione?

3