fbpx
Top

Antartide (o Antartico)

Antartide

L’Antartide (o Antartico) è il continente situato nell’emisfero australe della Terra, al Polo sud.

È soprannominato “Continente Bianco” o “Deserto Bianco” poiché il 98% del suo territorio è coperto da ghiacci, ed è il continente più freddo e inospitale del pianeta.

Ma…non privo di fascino e ricco di vita, capace di regalare un viaggio ricco di emozioni indimenticabili. Scoprite perché.

Sport e avventure

Tutte le attività e le cose da vedere in Antartide sono raccolte unicamente in questa sezione della guida. Il motivo è la natura stessa della destinazione, in cui non ci sono centri abitati o parchi da visitare e il fatto che il viaggio in sé e tutte le attività che potrete fare qui hanno un carattere avventuroso, anche solo per il fatto che il piano di viaggio non può essere determinato in base a orari e percorsi ma solo e unicamente dalle condizioni metereologiche e dal ghiaccio.

Il viaggio-avventura nel luogo più incontaminato della Terra (anche grazie a condizioni molto restrittive di tutela ambientale) si svolgerà nella Penisola Antartica, la lunga striscia di terraferma che si protende per circa 2.000 km verso il Sud America, a bordo di una nave da crociera di spedizione.

Per accorciare il viaggio e per evitare il Canale di Drake (leggete dopo il perché), che separa il Sud America dall’Antartide, alcuni operatori propongono un volo charter e poi la crociera. Considerate però che gli aerei risentono ancora di più delle condizioni atmosferiche, che potrebbero far cancellare o rimandare il decollo, inoltre, i costi sono maggiori.

Qualunque sia il modo con cui raggiungerete l’Antartico, ecco quali emozioni potrete vivere:

  • Sorvolo panoramico in aereo con vedute spettacolari sui ghiacciai, gli iceberg e le montagne. Durante le 12 ore di volo vengono proposti video e conferenze.
  • Attraversare il Canale di Drake indenni, o quasi…: qui c’è il mare più agitato del mondo. In caso di tempesta le onde possono raggiungere anche 15 metri.
  • Escursioni quotidiane a terra con trasferimento in zodiac (imbarcazioni tipo gommoni ideali per muoversi tra gli iceberg e per approdare in aree che sarebbero altrimenti inaccessibili) per raggiungere punti dove ammirare i panorami più incredibili, pareti a strapiombo e creazioni vulcaniche ricoperte di ghiaccio.
  • Vedere colonie di pinguini durante la stagione degli amori, oppure quando i piccoli sono nati da poco. Se sarete fortunati potrete avvistare un raro pinguino imperatore. Altri animali che potrete avvistare sono foche, leoni marini e uccelli marini.
  • Visitare una delle numerose basi scientifiche. Il personale della base vi farà conoscere ogni ambiente della struttura.
  • Ritrovarsi circondati da iceberg altissimi e una distesa infinita di ghiaccio marino.
  • Sorvolare il mare in elicottero e ammirare arenarie stratificate, colate laviche, ghiacciai, iceberg e blocchi di ghiaccio.
  • Fare il bagno in una sorgente di acqua calda a Deception Island
  • Fare escursioni a piedi o con le racchette da neve
  • Pagaiare in kayak o in SUP in mezzo ai ghiacci
  • Arrampicare o sciare su montagne di 5.000 mt
  • Dormire accampati sotto il cielo polare
  • Avvistare le balene
  • Fare un’immersione, sì sì, un’immersione, o una crociera subacquea, tra le acque incontaminate alla scoperta del mondo sommerso tra iceberg e pinguini (solo per sub esperti).
  • Assistere all’eclissi solare totale: il 4 dicembre del 2021 dall’Antartide sarà visibile l’eclissi totale di sole e per l’occasione le navi si posizioneranno al centro dell’ombra lunare per offrire un’esperienza nell’esperienza
  • Pernottare in un ecolodge di lusso, l’unico presente su tutto il Continente: 6 capsule di 6mt di diametro che ospitano una camera da letto matrimoniale, una scrivania e un bagno. Cucina, reception, lounge e sala da pranzo si trovano nel resto del camp
  • Fare una crociera in veliero, un’esperienza davvero autentica, in compagnia di uno scienziato che svelerà tutti i segreti del posto.
Pinguino imperatore

Colonia di pinguini imperatore, il più alto, il più grande e il più pesante tra tutti i pinguini

White seal

Una piccola foca bianca mimetizzata tra i ghiacci

Imbarcazione

Una delle imbarcazioni che potreste incrociare durante la crociera

Stazione di ricerca

Una delle numerose stazioni di ricerca presenti sul continente

Balena

É possibile avvistare le balene durante il viaggio

Canale di Drake

Un assaggio del mare durante il passaggio nel Canale di Drake

Elicottero

Il sorvolo in elicottero regala panorami pazzeschi

Quando andare

In Antartide non esiste la classica suddivisione stagionale.

Il Continente è caratterizzato dal cosiddetto Kernlose winter, un raffreddamento delle temperature in concomitanza della scomparsa del sole sotto l’orizzonte che si mantiene da metà di marzo alla metà di ottobre. In questa stagione le temperature possono raggiungere i -80 °C. Sì è toccato il record terrestre di -89,2 °C a Vostok nel luglio del 1983.

L’estate va da dicembre a gennaio e durante questo periodo le temperature non superano i -20 °C arrivano fino a quasi -70 °C ad agosto.

I mesi che vanno dalla seconda metà di ottobre a novembre e da febbraio alla prima metà di marzo sono considerate stagioni di transizione.

Per la scarsa umidità del continente, le precipitazioni sono quasi assenti, concedendo di diritto all’Antartide la definizione di deserto.

I turisti non possono visitare l’Antartide durante l’inverno; ma in estate, nelle aree della Penisola Antartica e delle isole sub-antartiche, la temperatura media va da -10 a 10 gradi centigradi, con qualche discesa di pochi gradi sotto lo zero, con fino a 20 ore di luce. Se consideriamo che questo è anche il periodo in cui i pinguini covano le uova e nutrono i loro piccoli, possiamo definirlo il periodo migliore per un viaggio in Antartide.

Febbraio e marzo sono gli ultimi mesi estivi ed è il periodo in cui si hanno maggiori possibilità di avvistare le balene o di osservare la muta delle penne dei pinguini adulti che popolano la costa.

Informazioni pratiche

Lingua: non esiste una lingua ufficiale dato che non è abitato, quindi considerate che sulle navi si parla inglese, su alcune anche in spagnolo

Moneta: non esiste una valuta ufficiale, per gli acquisti sulla nave considerate il Paese di provenienza della nave. Portate qualche dollaro statunitense per gli acquisti di souvenirs se avrete la possibilità

Per informazioni aggiornate e dettagliate visitare www.viaggiaresicuri.it

Qualche consiglio

Per arrivare nel continente più a sud del mondo, dovrete prima affrontare il Canale di Drake. A seconda delle condizioni del mare, è stato definito “Drake Shake” o “Drake Lake”. Se vi capiterà di attraversarlo come “Drake Shake” è bene avere con voi medicine per il mal di mare: pastiglie, cerotti, braccialetti o una combinazione di tutto ciò.

Sappiate che, prima di sbarcare per ogni escursione, tutta la vostra attrezzatura, gli indumenti che indossate e qualunque cosa portiate con voi, verrà ispezionato dal personale della nave, aspirato e spazzolato per eliminare ogni corpo estraneo come terra e semi per proteggere l’ambiente incontaminato dell’Antartide.

Se andate verso Port Lockroy o Vernadsky Station portate dei dollari americani per comprare qualcosa nel negozio di souvenir o per spedire una cartolina con il francobollo di un pinguino ad amici e parenti a casa.

Cosa mettere in valigia

Per le escursioni a terra, l‘abbigliamento necessario è simile a quello di una gita invernale in montagna.

Consigliamo quindi una serie di strati di indumenti leggeri, in modo che l’aria venga intrappolata e scaldata tra gli strati. I tessuti sintetici high-tech spesso sono meglio della lana o del cotone.

  • Preferite una giacca a vento o un impermeabile piuttosto che un piumino spesso e ingombrante.
  • Guanti da sci di qualità e sottoguanti sottili per aumentare il calore
  • Stivali impermeabili alti fino al ginocchio, indispensabili nel caso lo zodiac non potesse attraccare vicino a terra (quasi sempre comunque scenderete dal gommone in acqua)
  • Pantaloni da neve impermeabili da indossare sopra ai vostri pantaloni. Vi consigliamo di non infilarli dentro le scarpe perché condurranno ghiaccio e neve direttamente nei vostri stivali lasciandovi con i calzini bagnati e le dita fredde
  • Anche per i calzini vale il discorso degli strati: calzini sottili e traspiranti e, sopra, un paio più spesso e caldo manterranno le vostre dita calde, soprattutto con delle bustine termiche negli stivali 😉
  • Una balaclava è una buona soluzione per tenere al caldo la testa e la faccia protetta dal vento; oppure potete optare per un cappello stretto e uno scaldacollo che entra sotto il cappuccio della vostra giacca per le traversate veloci in zodiac
  • Costume da bagno: un velocissimo bagno in acqua salata ghiacciata è un’occasione unica per i più coraggiosi. Poi correte nella sauna della nave a riscaldarvi, dove troverete i meno coraggiosi che vi aspettano 😊. Servirà anche se avrete occasione di fare il bagno in una sorgente di acqua calda
  • Occhiali da sole con filtro contro i raggi ultravioletti di buona qualità
  • Crema con protezione solare
  • Burro di cacao per le labbra
  • Crema idratante: a causa delle basse temperature, l’aria polare contiene circa un decimo del vapore acqueo che si trova a latitudini temperate e la vostra pelle si seccherà velocemente
  • Potrebbe essere utile avere degli occhiali da sci per proteggere gli occhi dal vento, soprattutto se avete lenti a contatto.
  • Binocolo, consigliato per avvistare balene e uccelli lontani dalla barca
  • Una borsa o zaino impermeabile o, meglio, a tenuta stagna, per mantenere asciutta l’attrezzatura fotografica durante i trasferimenti con gli zodiac
  • Un contenitore impermeabile per il cellulare (che userete solo per le foto, dato che non c’è né internet né linea telefonica
  • Batterie di ricambio o power-bank per tutti i vostri dispositivi, da tenere in un luogo caldo (tipo la tasca interna della giacca), perché con il freddo le batterie si scaricano molto più velocemente
  • Naturalmente tutta l’attrezzatura foto e video di cui disponete. Vi consigliamo un paraluce per contrastare il riverbero del ghiaccio. Lasciate però a a casa il vostro drone perché non potete farlo volare in Antartide

A bordo della nave l’abbigliamento è informale e comodo, a strati e indossate scarpe antiscivolo per camminare sui ponti umidi dove correrete per avvistare balene, pinguini e altre meraviglie ogni volta che si presenterà l’occasione.

Le navi solitamente vietano qualsiasi tipo di scarpa a punta, aperta e con il tacco alto.

4

Pop up Natale